Il Flauto Magico

Il Flauto Magico - Teatro Le Maschere

Un nuovo adattamento e un nuovo allestimento per uno dei titoli storici nel repertorio del Teatro Le Maschere!

Il Flauto Magico è certo una tra le più celebri opere liriche, un’esplosione di vitalità musicale che abbiamo cercato di trasportare nella vitalità del nostro spettacolo, che dell’originale mozartiano evocherà molti momenti musicali.
Ma Il Flauto Magico è anche una favola, un po’ buffa e un po’ tetra, che, come nella più classica delle strutture narrative, centra il suo plot su una serie di prove che l’eroe deve affrontare per raggiungere il premio e dimostrare la propria virtù.

In questo nuovo adattamento abbiamo voluto far risaltare proprio questo elemento fiabesco per dare alla vicenda di Pamino, Tamina, Papagheno e Papaghena, di Sarastro e della Regina della Notte un taglio quasi “thriller”, che ben si adatta ad alcune atmosfere un po’ “noir” di quest’opera, che ha come motore l’eterno contrasto del bene col male.
Riproporla in questa nuova edizione vuole anche essere un invito all’ascolto e alla conoscenza dell’opera: il genere teatrale che insieme alla Commedia dell’Arte ci ha reso famosi nel mondo e che sempre meno riusciamo ormai a comprendere, ad apprezzare, ad amare.

 

Approfondimento: 

Senza la musica di Mozart, il Flauto Magico sarebbe solo una fiaba piuttosto scombiccherata, così piena com’è d’incongruenze narrative e sceniche, infarcita di elementi non risolti e sbilanciamenti vari. Il genio di Mozart, che invero collaborò molto anche alla stesura del libretto di Shikaneder, ha reso immortali personaggi come Papagheno e la regina della Notte, grazie a delle melodie che risuonano eterne e che tutti, anche i più piccini, hanno ascoltato almeno una volta nella loro vita. Quindi questa elaborazione teatrale, che certo non prescinde dal contributo musicale del genio salisburghese, tenta di mettere un po’ di linearità in questa storia, che, forse non tutti sanno, prende origine da una novella francese dal titolo “Sethos: Histoiere ou vie tiré des monuments, anecdotes de l’ancien Egypte” dell’abate Terasson. Pertanto si è incentrata l’azione scenica sul tema delle tre prove per il raggiungimento della virtù e della saggezza, che sono state tradotte nella prova del silenzio, nella prova del contrario e nella prova del fuoco: prove a cui si sottoporranno con diversi esiti i due eroi protagonisti della vicenda, il coraggioso principe Tamino e il simpatico pasticcione Papagheno, l’uccellatore. E come in ogni prova che si rispetti, alla fine, ci sarà l’agognato premio che per tutti sarà il coronamento dei propri desideri, come nella migliore tradizione fiabesca. In fondo quella del Flauto Magico è una storia di iniziazione alla vita che sottende due temi molto importanti nella crescita dei giovani spettatori: l’impegno, ingrediente sempre necessario per raggiungere qualsivoglia obiettivo e la prudenza nel giudizio, che soprattutto in una realtà come quella presente, così relativa, per cui nessuna cosa può essere giudicata del tutto cattiva e nessuna può essere giudicata del tutto buona, ci è sembrato un motivo di proficua riflessione per ragazzi e insegnanti.

Senza dimenticare ovviamente l’opera, di cui, questa nostra ultima fatica vuole essere un umile invito all’ascolto.

  • Tipologia
    Nuovo allestimento!
  • Data
    per le scuole al Teatro Ciak dal 10 aprile / per le famiglie al Teatro Le Maschere domenica 7 aprile e al Teatro Ciak domenica 14 aprile
  • Teatro Le Maschere / Ciak
  • Compagnia
    Teatro Le Maschere
  • Autori
    Adattamento di Gigi Palla / regia di Gabriela Praticò