Stagione 2023-2024

Teatro Le Maschere (Carla Marchini e Giovanni Licheri)

Per la stagione 2023-2024 abbiamo preparato un cartellone con molte delle fiabe e delle storie più popolari della nostra tradizione culturale, miti fondanti l’identità psichica, sociale e culturale dei bambini di ieri, di oggi e di domani.

 Apre la stagione una nuova produzione “Le streghe di Talia”, che parla di magia e di natura, del superamento delle proprie paure, della scoperta della propria identità e del potere dell’amore e dell’amicizia. Sarà poi la volta di “Ritorno ad Oz” dal romanzo di Baum, un inno alla fantasia, spettacolo vincitore della Rosa D’oro e del Premio Otello Sarni.

Come consuetudine scandiremo i periodi forti del calendario: Natale, Epifania e Carnevale, con tre produzioni “ad hoc” che bene si inseriscono nella nostra linea narrativa: “Un racconto di Natale”, adattamento del celebre racconto di Dickens, che vede l’entrata in scena di un nuovo personaggio che porterà Mister Scrooge a capire che solo attraverso l’amicizia, l’amore e la generosità per il prossimo si può essere davvero felici. “Nana, la Befana”, così attesa dai più piccoli sarà l’appuntamento dedicato alle famiglie nei giorni di festa, mentre “Arlecchino e le magiche penne dell’orco”, ispirato da un racconto di Italo Calvino, con protagonisti Arlecchino e Colombina, sarà lo spettacolo di Carnevale.

La stagione prosegue con due spettacoli dedicati a grandi temi sociali: il bullismo, perno centrale di “Nino il T-Rex” presentato dalla compagnia Giù di Su per Giù, e il tema della mafia, affrontato con delicatezza e garbo ne “Il villaggio della pulce” della compagnia Teatro alla Lettera.

Nel mese di marzo tornerà l’appuntamento fisso con lo spettacolo bilingue “WonderWhat?”, presentato dalla compagna Bloom Theatre. Una citazione a parte per gli spettacoli dedicati ai ragazzi della scuola secondaria: riprenderemo, dopo il successo della scorsa stagione, l’”Odissea” (vincitore del premio Cerami) e daremo spazio ad una nuova produzione “I Promessi Sposi“, dove i personaggi principali, in un gioco di confessioni e flash back, rivivranno la storia dal proprio punto di vista, cercando di ricostruire l’intricata vicenda.

Chiudono la stagione due produzioni della compagnia Nomen Omen con due grandi classici dell’infanzia: “Giacomino e il fagiolo magico” e “I vestiti nuovi dell’Imperatore”.

Da sempre cerchiamo di distinguerci con un teatro che sappia emozionare, divertire ed educare i nostri giovanissimi spettatori attraverso una particolare cura della componente narrativa.

SCOPRI TUTTA LA PROGRAMMAZIONE DELLA STAGIONE 2023-2024 CLICCANDO QUI.

Seguici sui social

newsletter

Iscriviti alla Newsletter

'); } jQuery($divs).wrap('
'); });